Premio Internazionale della Bontà 2016 a Marco Antonio Molino

locandina-premio-bontaSi svolgerà a Verona sabato 17 dicembre alle ore 18.00 la cerimonia di assegnazione del “Premio Internazionale della Bontà 2016”, presso l’Auditorium dell’Istituto Salesiano di San Zeno (VE). Diversi i soggetti che patrocinano l’evento promosso annualmente dal “Comitato della Croce”, tra questi anche la Regione Veneto, il Comune di Verona e di Cavarzere. In occasione dell’incontro ci sarà un dibattito sul tema “Immigrazione, Accoglienza e Solidarietà” che vedrà relatori il Prefetto di Agrigento dott. Nicola Diomede, il Comandante del Comando Aereonavale Centrale della Guardia di Finanza Generale Fabrizio Cuneo e Don Luigi Merola. Il “Comitato della Croce” si è costituito nel 1992 ed operante a Cavarzere (VE), è formata da un gruppo di volontari il cui obiettivo è di portare una scintilla di solidarietà a chi soffre. Il nome del Comitato della Croce deriva proprio da una croce piantata sul Monte Cogne in Val di Cembra (TN) circa 24 anni fa, da un gruppo di amici che poi hanno fondato il Comitato stesso.

Il premio dedicato ai rappresentanti delle Forze dell’Ordine, ai Magistrati e a tutte le vittime della criminalità sarà assegnato a coloro che si sono maggiormente distinti in gesti di generosità, tra questi sarà premiato il catanese Marco Antonio Molino, direttore della ong NHV (Nuestro Horizonte Verde – horizonteverde.org) per mezzo della quale da diversi anni Molino è impegnato in azioni di aiuto umanitario e sociale per contrastare la povertà energetica, didattica ed alimentare ad Iquitos nella regione Loreto dell’Amazzonia peruviana, e nello specifico nel quartiere periferico di Belen e con la tribù Yaguas che abita una zona della foresta nel delta del Rio delle Amazzoni.

Il Premio Internazionale della Bontà nasce nel 2002; la prima edizione viene organizzata a Cavazere (VE). In ogni edizione la persona da premiare viene concordata con il Capo dello Stato che consegna all’associazione una medaglia da dare a chi si è particolarmente distinto; ad esempio nelle ultime edizioni è stata consegnata a Federica Angeli (giornalista de “La Repubblica” e ad Antonino Di Matteo (DDA Palermo)
Per quanto concerne Marco Antonio Molino, ci spiega Luigino Zuin che presenta la cerimonia di assegnazione del premio, le motivazioni sono diverse:
  • vicinanza agli ultimi (ninos especial)
  • lotta per la salvaguardia dell’ambiente (il polmone del mondo); pochi hanno colto l’importanza della salvaguardia del pianeta come Marco e la sua ong (e pochi hanno capito l’Enciclica Laudato ‘si di Papa Francesco)
  • Nuestro Horizonte Verde: lotta per relazioni tra esseri umani diverse, distribuzione dell’energia sul pianeta, lotta alle multinazionali che favoriscono le criticità ambientali e sociali.
Condividi